SCIENZE DELL'ARCHITETTURA

dal 1 novembre 2018 Corso di Laurea in Architettura Rigenerazione Sostenibilità

Obiettivi formativi

Il Corso di Laurea in Architettura Rigenerazione Sostenibilità è orientato alla formazione di una figura professionale in grado di conoscere le opere di architettura nei loro aspetti tecnologici e formali, compositivi, strutturali e costruttivi, con l’obiettivo di intervenire, sia nell’ambito delle nuove costruzioni, sia nell’ambito del recupero del costruito, con modalità che garantiscano una riduzione dei consumi e degli impatti sull’ambiente e sul territorio.
Le competenze specifiche conseguite dovranno consentire al laureato di svolgere attività di supporto alla progettazione architettonica ed urbanistica, alla costruzione dell'opera edilizia e alla realizzazione degli interventi di recupero. Tali obiettivi perseguono una figura di laureato che, dopo il superamento dell'Esame di Stato, potrà svolgere autonomamente l'attività professionale prevista per il corrispondente livello di studi (Architetto junior, Pianificatore junior). Nel corso dei tre anni il percorso formativo previsto tende a sedimentare progressivamente le conoscenze delle aree disciplinari di riferimento, in conformità alla direttiva 85/384 CEE.
Il laureato della classe L-17 dovrà pertanto possedere le seguenti competenze:
- dovrà avere una preparazione di base, culturale e scientifica, sulla storia dell’architettura, su metodi e forme della rappresentazione, sugli strumenti matematici e delle altre scienze di base per interpretare e descrivere i diversi aspetti dell’architettura; questi obiettivi formativi sono perseguiti attraverso corsi monodisciplinari e integrati – in particolare nei primi due anni corso – e sono completati da attività laboratoriali, in particolare per acquisire le competenze nell’ambito della rappresentazione;
- dovrà aver acquisito le metodologie, sia conoscitive sia operative, degli ambiti disciplinari caratterizzanti (progettuali, strutturali, tecnologici, urbanistici e di restauro) per formulare e risolvere i problemi dell’architettura e dell’urbanistica con metodi, tecniche e strumenti aggiornati; lo studente acquisisce queste conoscenze all’interno di corsi monodisciplinari e integrati del secondo e terzo anno e, all’interno dei laboratori progettuali, sviluppa competenze e abilità nel progettare, facendo sintesi delle conoscenze specifiche precedentemente acquisite;
- dovrà essere in grado di controllare gli aspetti di fattibilità tecnica ed economica ed essere capace di comunicare efficacemente, in forma scritta e orale, in almeno una lingua dell'Unione Europea, oltre l'italiano.
Il curriculum studiorum offre, nel terzo anno, ulteriori percorsi di specializzazione in progettazione urbanistica, con approfondimento sugli aspetti della pianificazione nella prospettiva di formazione della figura professionale del pianificatore junior, nonché di recupero e riqualificazione energetica degli edifici, nella prospettiva di formazione della figura professionale dell'architetto junior.
Si ritiene che l'amalgama di tali conoscenze e competenze (progettuali, strutturali, tecnologiche, urbanistiche, di rappresentazione, di restauro, storiche ecc.) costituisca la base indispensabile per una organica e armonica interazione tra le diverse aree disciplinari, presupposto per una valida cultura architettonica, sia per chi affronti direttamente il mondo del lavoro sia per chi voglia proseguire gli studi.