Chi siamo

Il Corso di Laurea triennale in Scienze dell’Architettura coniuga l’approfondimento teorico con un forte taglio tecnico applicativo.
Gli insegnamenti delle diverse discipline progettuali (composizione architettonica, restauro, urbanistica e tecnologia dell’architettura e delle costruzioni) sono organizzati all’interno di laboratori, nei quali il discente, sostenuto da una parte di insegnamento teorico, svolge nell’ambito dell’orario di lezione un’attività applicativa; sicché fin dall’inizio l’allievo acquisisce non solo conoscenze, ma anche abilità nel disegnare e progettare.
La laurea triennale in Scienze dell’Architettura consente l’accesso all’esame di stato per la professione di architetto, di pianificatore junior e di ingegneria civile e ambientale junior.
Le competenze professionali acquisibili coprono uno spettro molto ampio, con competenze nel progetto di architettura e, in senso più generale, nelle opere di edilizia civile, incluse le strutture in cemento armato, nell’urbanistica e nella pianificazione del territorio, nel rilievo geometrico e nell’estimo, nonché nelle opere di edilizia civile che presentano rilevante carattere artistico e nel restauro e ripristino degli edifici vincolati ai sensi del Codice per i beni culturali e il paesaggio.
Il pianificatore possiede competenze nella pianificazione del territorio, del paesaggio, dell’ambiente e della città e nello svolgimento e coordinamento di analisi complesse e specialistiche delle strutture urbane, territoriali, paesaggistiche e ambientali.
Suo compito è anche il coordinamento e la gestione di attività di valutazione ambientale e di fattibilità dei piani e dei progetti, urbani e territoriali; c) strategie, politiche e progetti di trasformazione urbana e territoriale.
La possibilità di iscriversi all’esame di stato per ingegneri implica, inoltre, l’acquisizione di competenze nella progettazione, sviluppo, direzione lavori, stima, collaudo, gestione e valutazione di impatto ambientale di opere edili, strutture e infrastrutture, nonché di sistemi e impianti civili e per l’ambiente e il territorio.
Il legislatore prevede che ciascuna Università, per i corsi di laurea in Architettura, scelga se mantenere la tradizionale laurea quinquennale, oppure passare al regime del 3+2 (laurea triennale più magistrale biennale).
L’Università degli Studi di Parma ha preferito quest’ultima possibilità, istituendo, unica nella regione Emilia-Romagna, un Corso di Laurea (triennale) in Scienze dell’architettura e un Corso di Laurea magistrale (biennale) in Architettura. Il Corso di Laurea triennale in Scienze dell’architettura è a numero programmato a livello nazionale (per l’anno accademico 2014/2015 sono stati richiesti 150 posti). La laurea magistrale, esito del cosiddetto percorso 3+2, ha esattamente lo stesso valore legale e sostanziale della laurea a ciclo unico.
Siamo soddisfatti della scelta effettuata e dei risultati ottenuti: in questi anni la maggioranza degli studenti ha conseguito la laurea in Scienze dell’Architettura nei tre anni previsti e ha continuato il suo percorso nella laurea magistrale; una quota minoritaria di laureati non ha invece proseguito gli studi. Per questi ultimi è stato lungimirante aver approntato un percorso che, alla fine del triennio, fornisce un titolo con valore legale comunque spendibile sia nel mondo del lavoro dipendente sia nell’ambito della libera professione.
Attualmente al Corso di Laurea in Scienze dell’Architettura dell’Università degli Studi di Parma sono iscritti circa 500 studenti.
I corsi sono organizzati in conformità alla Direttiva europea 85/384/CEE concernente il reciproco riconoscimento dei diplomi, certificati ed altri titoli del settore dell’Architettura.
Nell’anno accademico 2013/2014 il corpo docente del Corso di Scienze dell’Architettura è composto da 22 professori dipendenti dell’Università degli Studi di Parma e da 25 professori a contratt